RIQUALIFICAZIONE DELLA BORGATA DI SANTA LUCIA – SINISCOLA

Anno
2015
Completamento
Completato
Importo
€ 2.500.000,00
Committente
Comune di Siniscola
Servizio
Progettazione preliminare, definitiva, esecutiva, coordinamento della sicurezza, direzione lavori

RIQUALIFICAZIONE DELLA BORGATA DI SANTA LUCIA – SINISCOLA

Il Progetto

Il progetto è intervenuto verso la riqualificazione organica dell’intera borgata di Santa Lucia, soffermandosi in particolar modo sul lungomare, che costituisce l’elemento dominante e maggiormente rappresentativo della borgata, catalizzatore urbano di aggregazione e di svago.

Descrizione Progetto

Il progetto è intervenuto verso la riqualificazione organica dell’intera borgata di Santa Lucia, soffermandosi in particolar modo sul lungomare, che costituisce l’elemento dominante e maggiormente rappresentativo della borgata, catalizzatore urbano di aggregazione e di svago.
La borgata di Santa Lucia è una frazione amministrativa del Comune di Siniscola, incastonata nello scenario incantevole compreso tra il golfo di La Caletta a Nord e Punta S’Ena e Sa Chitta a sud. La borgata, originariamente costituita da un agglomerato di case minime a servizio delle famiglie dei pescatori, oggi riconoscibile solo in parte nell’edificato in prossimità della chiesa di S. Lucia e di piazza Venezia, è delimitata verso l’entroterra da una imponente pineta artificiale realizzata negli anni ’50.
Il Progetto ha consentito di risolvere efficacemente alcune criticità storiche della borgata e di implementare notevolmente la qualità dei servizi e della vivibilità, il tutto grazie ad una serie di azioni di seguito riassunte:
– Riorganizzazione della viabilità di ingresso alla borgata e di collegamento al lungomare;
– Realizzazione di un parcheggio in testata alla via Lungomare, fronte pineta;
– Riqualificazione della via Roma e dell’intero sistema di vicoli fronte mare;
– Riqualificazione dell’area parcheggi di via Verrazzano;
– Consolidamento del bastione con affaccio a mare e interventi di salvaguardia della Spiaggia delle Barche;
– Completamento e riqualificazione della passeggiata lungomare;
– Riorganizzazione delle reti di smaltimento delle meteoriche, efficientemente apparati illuminotecnici.
Il progetto ha operato quindi verso una riorganizzazione complessiva dello spazio, urbano e periurbano, riproponendo gli elementi propri della composizione attraverso un disegno unitario, che individua chiaramente nella passeggiata sul lungomare l’elemento di raccordo, evidenziando compiutamente e portando a sintesi organica diversi ambiti che necessariamente devono vivere in simbiosi, valorizzando il sistema naturale quale dominante di paesaggio.
Il progetto, definisce e riorganizza il reticolo della mobilità, distinguendo il livello automobilistico ed il livello pedonale, rimarcando la gerarchia principale dei percorsi pedonali nel borgo. La mobilità veicolare viene sostenuta fortemente nella sua componente extraurbana: di fatto i veicoli utilizzati per l’arrivo e la partenza dal borgo, sono indirizzati verso idonee aree di sosta, lontane dal lungomare, mentre in area urbana, considerata la dimensione modesta del tessuto, sono privilegiati i percorsi e la mobilità pedonale, garantendo sempre accessibilità e percorsi dedicati per i residenti ed diversamente abili.
Il progetto ha consentito di rimarcare le qualità di Santa Lucia, la sua dimensione “a misura d’uomo”. Il fronte mare diviene una grande piattaforma pedonale. I parcheggi decentrati, per quanto possibile lontano dal lungomare, collocati nella zona di connessione del borgo con la pineta, consentono di razionalizzare e completare la dotazione e l’accessibilità dell’intero borgo, indirizzando il traffico nell’area periferica in prossimità degli accessi della viabilità extra-urbana.